Associazione Cuncordu - Corso Vercelli, 260 - 13045 Gattinara, Vercelli - Italia - C.F. 94023300026
primi sui motori con e-max


"Il Popolo di Bronzo" a Gattinara


Ricostruzione a dimensione reale di armi, abiti ed utensili dei bronzetti nuragici

Sabato 2 febbraio ore 16:00, Villa Paolotti, c.so Valsesia 112 a Gattinara, Vercelli

jpgIl-Popolo-di-Bronzo_est.jpg174.67 KB    jpgIl-Popolo-di-Bronzo_int.jpg162.91 KB

Manifesto Il-Popolo-di-BronzoVisitabile: dal 2 al 24 febbraio, da lunedì a venerdì dalle 10 alle 12, sabato e domenica dalle 16 alle 18.30 e su prenotazione apertura pomeridiana e visite guidate.

La mostra è stata realizzata dalla ricercatrice storica Angela Demontis e finanziata dalla Provincia di Cagliari.
Grazie ai Circoli dell’area Nord Ovest della FASI (Federazione delle Associazioni Sarde in Italia) che la ospiteranno, sarà visitabile in Liguria e in Piemonte.
Infatti arriva da Genova (Associazione Sarda Tellus), farà tappa a Gattinara (Associazione Cuncordu), e poi concluderà il suo tour al Museo delle Scienze di Torino (Circolo 4 Mori di Rivoli), per poi ritornare a Cagliari presso la Provincia.
L’esposizione di Gattinara vedrà la partecipazione di studenti degli istituti Alberghiero e Geometri di Gattinara, opportunamente formati dalla curatrice della mostra, che si occuperanno di far da guida ai visitatori durante gli orari di apertura della stessa.

Si tratta di una possibile ricostruzione di armi, abiti, accessori e utensili nuragici, realizzati con i materiali e antiche tecniche di lavorazione, basata sulla rigorosa osservazione dei bronzetti iniziata col libro “Il Popolo di Bronzo” (Angela Demontis 2005). L’uso di tali materiali in epoca antica è avvalorato da citazioni storiche che ne testimoniano l’impiego. Proprio lo studio del piccolo “esercito” di bronzo ci fa vedere come dovevano essere abbigliate le persone in epoca nuragica, come una sorta di scatti “fotografici” dell’epoca. Tutti gli elementi esposti in mostra sono stati studiati e riprodotti riportando a proporzione “umana” i particolari visibili sui bronzetti.
Oggetti particolari come i cappelli femminili in vegetali intrecciati, le armi di bronzo massiccio, il vaso in terracotta, le acconciature, arco e frecce, gli elementi di legno, sono stati realizzati da esperti artigiani dei relativi settori. Alcuni pezzi, come per le spade a lama larga e i pugnali ad elsa gammata, sono le riproduzioni di modelli esposti al Museo Archeologico di Cagliari: la spada di Oroè e il pugnale di Santadi sono stati modellati dall’Autrice prima in argilla e poi “trasformati”in bronzo da un esperto fonditore col metodo di fusione a cera persa.
L’Autrice ha confezionato personalmente, e cucito a mano tutti gli abiti di lana e lino, le corazze di cuoio dei guerrieri, alcuni elementi dell’armamento di legno e rame.
Tutti pezzi unici.
Per i relativi settori di competenza ci si è avvalsi della consulenza archeologica e naturalistica.
Ogni “costume” completo è esposto indossato da un manichino.
Ogni personaggio è accompagnato dal proprio pannello esplicativo, una sorta di “carta d’identità”, completo di testi (italiano, sardo, inglese), foto del bronzetto preso in esame per la ricostruzione, disegno con lo studio del costume intero da “Il popolo di Bronzo” e disegno del costume a colori.
La mostra completa è composta da tre sezioni illustrate da pannelli didattici: la prima parte informa sulla “moda” antica nel Mediterraneo e in Sardegna; la seconda parte riguarda i 10 personaggi coi loro pannelli esplicativi; la terza parte descrive i materiali e le tecniche come l’arte della tessitura, la concia delle pelli, la lavorazione del legno, i metalli e l’argilla.
Con questo lavoro d'illustrazione e ricerca, e con la ricostruzione dei costumi nuragici, l’Autrice intende restituire, finalmente, dignità umana a queste persone ritratte con maestria nelle piccole statuette bronzee: un intero Popolo che ci ha lasciato testimonianza del suo passaggio consentendoci di riscoprire un tassello importante della nostra Storia. Gli antichi Sardi, i costruttori di torri, riprendono vita.

– Ingresso Libero

Info:
- www.cuncord.it    
- This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
- Tel. 333 6850.110